0974/717001 info@gamet.info

 

Fonte: Wikicasa

In linea generale le nuove costruzioni non prevedono agevolazioni fiscali per la casa. Tuttavia vi sono delle eccezioni. Ci sono infatti dei casi in cui l’Agenzia delle Entrate ammette alla detrazione del 50% ad esempio, la costruzione di nuovi box auto, di soppalchi e verande.

Vediamo più nel dettaglio quando si può usufruire del bonus pari al 50% al fine di riqualificare il patrimonio edilizio.

Ma cosa si intende esattamente per “nuova costruzione”?

Un elenco puntuale che consente di capire cosa si intenda per “nuove costruzioni” è dato dall’articolo 3, comma 1 lettera c) del Testo Unico dell’Edilizia (dpr 380/01). A titolo esemplificativo si tratta di:

  • costruzioni di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero ampliamento di quelli esistenti all’esterno della sagoma esistente;
  • interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal Comune;
  • interventi di infrastrutture e di impianti che implichi la trasformazione in via permanente di suolo inedificato;
  • prefabbricati, case mobili;
  • interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici qualifichino come interventi di nuova costruzione ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale.

Bonus 50% in caso di costruzione di box o posti auto

Un caso di nuova costruzione ammesso al bonus 50% è dato dalla costruzione di box o posti auto costituenti pertinenza di un edificio. Requisito necessario per poter beneficiare della detrazione fiscale è che tali interventi siano connessi a lavori di ristrutturazione eseguiti su un edificio già esistente.

In caso di costruzione di box auto pertinenziale si avrà diritto alla detrazione Irpef pari al 50% della spesa sostenuta con il limite massimo di 96.000 euro. Si ricorda che l’agevolazione fiscale è prevista anche in caso di acquisto di box o posti auto già realizzati e in questo caso la detrazione riguarderà unicamente le spese relative alla loro realizzazione che dovranno essere certificate dal costruttore.

Prevista la possibilità di fruire del beneficio fiscale anche qualora la costruzione di posti auto comporti la comproprietà degli stessi, purché vi sia un vincolo pertinenziale con un’unità abitativa. Si ricorda che, in base a quanto disposto dal codice civile, le pertinenze sono cose mobili o immobili destinate in modo durevole a servizio o ornamento di un’altra. Per poter fruire della detrazione fiscale è necessario che le spese sostenute siano documentate mediante bonifico.

Altri casi di detrazione 50%

Sono ammessi all’agevolazione al 50% le costruzioni interne o esterne di impianti posti al servizio del fabbricato. Si pensi ad esempio alla canna fumaria o alla fognatura. Potranno dunque essere portate in detrazione le spese sostenute per costruire una canna fumaria su un immobile già esistente ma che ne è sprovvisto.

Semaforo verde anche per la nuova costruzione di soppalchi, balconi e verande, queste ultime ritenute un ampliamento volumetrico ma ciò nonostante considerate agevolabili dall’Agenzia delle Entrate.